LVMH Prize 2015, i candidati: 26 stilisti in gara, nessun italiano

Annunciati finalmente i nomi dei candidati che concorreranno al premio promosso dal gruppo di lusso francese guidato da Bernard Arnault: niente Italia tra i selezionati.

lvmh-656x468

I candidati del LVMH Prize 2015 sono stati annunciati: la lista dei nomi che parteciperanno alla selezione finale per la vittoria del consistente premio, dedicato ai giovani designer in fase di lancio del proprio marchio con il patrocinio del potente gruppo del lusso Louis Vuitton - Moet Hennessey, è stata finalmente rivelata e ben poche sorprese, in verità, circondano i 26 stilisti in gara.

Varietà geografica prima di tutto per i candidati dell'LVMH Prize 2015, le cui provenienze sono svariate: tutte le città della moda sono rappresentare, a partire dalle quattro capitali principali fino alle storiche roccaforti di design e alle nuovissime leve provenienti principalmente dal Sud Est asiatico, vera fucina di talenti negli ultimi anni. Delphine Arnault, vicepresidente del gruppo LVMH, ha commentato in modo ottimista quest ampia varietà:

Credo che sia molto bello avere diversità nelle nazionalità di proveniente. È una delle specifiche del premio, quella di essere molto aperto: gli stilisti possono essere in qualunque regione del mondo, possono iscriversi liberamente via Internet e non devono necessariamente aver tenuto uno show in una città o in un paese.

Magra consolazione per l'Italia: dopo l'exploit di Gabriele Colangelo lo scorso anno, quest'anno nessun italiano è in gara all'LVMH Prize 2015 ma a tenere alta la bandiera di Milano c'è lo stilista Arthur Arbesser, austriaco di nascita ma milanese di adozione.

Dopo questa prima scrematura, gli stilisti verranno giudicati dalla giuria di esperti che li ridurrà a otto nomi finali, quelli che concorreranno effettivamente al premio di 300mila euro e un anno di patrocinio degli esperti del gruppo LVMH.

LVMH Prize 2015, i 26 stilisti selezionati

untitled-article-1424517206-body-image-1424517764

Devon Halfnight Leflufy (Anversa)
Agi & Sam (Londra)
Andrea Jiapei Li (New York)
Anton Belinskiy (Kiev)
Arthur Arbesser (Milano)
Astrid Andersen (Copenhagen)
Baja East (New York)
Coperni (Parigi)
Craig Green (Londra)
Faustine Steinmentz (Londra)
Huishan Zhang (Londra)
Jaquemus (Parigi)
Jourden (Hong Kong)
Koche (Parigi)
Marques Almeida (Londra)
Nabil Nayal (Londra)
Nasir Mazhar (Londra)
Off White (Chicago)
Orley (New York)
Ryan Lo (Londra)
Ryan Roche (Hurley, NY)
Sankuanz (Cina)
Vetements (Parigi)
WrittenAfterwards (Giappone)
Xiao Li (Londra)
XimonLee (New York)

Via | Business Of Fashion

  • shares
  • Mail