Peter Dundas è il nuovo direttore creativo di Roberto Cavalli

L'ex stilista di Pucci arriva in casa Cavalli del tutto a sorpresa.

unnamed (1)

Peter Dundas è il nuovo direttore creativo della maison Roberto Cavalli: la notizia è rimbalzata ufficialmente oggi pomeriggio, stupendo un po' tutti per l'inaspettata novità da parte della casa di moda fiorentina.

L'ex direttore creativo della maison Emilio Pucci ha presentato la sua ultima collezione per il marchio alle recenti sfilate di Milano dopo che insistenti rumors sostenevano la partenza immediata di Peter Dundas. Da Emilio Pucci è arrivato Marco Zanini, transfugo da Schiaparelli. Peter Dundas da Roberto Cavalli assumerà il suo nuovo ruolo con effetto immediato.

La scelta di Peter Dundas rappresenta la volontà di proseguire in un percorso di stile che ha ottenuto un grande apprezzamento, innovando nel rispetto della tradizione e del glamour che hanno caratterizzato il mondo Cavalli dalla sua nascita ad oggi,

hanno commentato Roberto ed Eva Cavalli.

È un rientro alla base per Peter Dundas, che aveva già collaborato con la maison Cavalli dal 2002 al 2005 prima di passare al grande ruolo di direttore creativo di Pucci:

Questo ha davvero il sapore di un ritorno a casa per me. E’ un onore ricevere l’incarico di continuare nell’evoluzione del fantastico, unico mondo Roberto Cavalli e sono incredibilmente eccitato dalle potenzialità di questo marchio straordinario. Non vedo l’ora di cominciare.

La prima collezione di Peter Dundas per Roberto Cavalli verrà presentata alla Settimana della moda di Milano di Settembre 2015.

Sarà un ruolo di tutto rispetto quello assunto da Peter Dundas, che assieme alla responsabilità creativa delle linee Donna, Uomo e Accessori e delle Licenze in concessione al Gruppo Roberto Cavalli verrà direttamente coinvolto nelle strategie di comunicazione e di marketing che riguardano il marchio.

Nel comunicato che la maison Cavalli ha inviato alla stampa per informarli della novità di Peter Dundas si legge anche

un impegno globale che gli permetterà di riposizionare il marchio creato nei primi anni Settanta da Roberto Cavalli

che può essere direttamente collegato alle vicissitudini del Gruppo Cavalli negli ultimi anni: fondato negli anni Settanta e reso celebre dalle stampe particolari molto amate dallo stilista, il marchio Cavalli ha attraversato diversi periodi difficili tra voci di cessione prima tacitate poi rese quasi effettive con la trattativa di vendita di parte delle quote ai russi.

  • shares
  • Mail