Gap sportswear uomo primavera estate 2015, tutti in palestra con il top Chad White

Un line- up interamente pensato per le nostre ore da vivere e sudare in palestra. Gran cerimoniere di queste fatiche immani uno dei grandi nomi della modelling scene: l’ impareggiabile Chad White (in tutta, ovviamente, la sua prestanza fisica)

Gap sportswear uomo p/e 2015

Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015
Gap sportswear uomo p/e 2015

Lo si capisce immediatamente. Subito si intuisce, anche ad un primo incerto sguardo, che sarà un matrimonio felice. Un sodalizio fruttuoso. Un incontro fortunatissimo, baciato dalle stelle (e sappiamo bene quanto il firmamento possa essere incostante e capriccioso).

Tuttavia con uno sposo come l’ impareggiabile Chad White le cose, diciamocelo francamente, non potrebbero andare diversamente. Stiamo ovviamente parlando del nuovo catalogo che Gap, in questa primavera estate 2015, dedica alla moda super sportiva, quella per intenderci, da sfoggiare in palestra, mentre si suda e si maledice volentieri, tra un esercizio e l’altro, la fatica.

Il catalogo snocciola così tutta una gamma di soluzioni accattivanti, dalle canotte ad una serie di giubbetti smilzi, asciutti e naturalmente con cappuccio, passando poi per t-shirt e pantaloni da tuta. Insomma a giudicare da quel che si vede non manca certo nulla per sudare come dannati (e con l’occhio puntato sull’orologio) in palestra.

Gap sportswear uomo p/e 2015

Ci piace

Apprezziamo la volontà di Gap di creare tutta una moda per gli amanti del fitness e di aggiungere qui e là un intenso rosa cipria od una fantasia che ci ricorda, naturalmente senza alcuna pretesa letteraria, l’intricatissima selva dantesca.

Non ci piace

Citata prima, la selva dantesca torna, ma torna (soprattutto quella in versione smanicata) per storcerci, senza certo esagerare, la bocca.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail