"Migrant chic", Anna Wintour chiede ufficialmente scusa

La direttrice di Vogue travolta dalle polemiche sui social.


PARIS, FRANCE - MARCH 07: Anna Wintour attends the Saint Laurent show as part of the Paris Fashion Week Womenswear Fall/Winter 2016/2017 on March 7, 2016 in Paris, France.  (Photo by Francois Durand/Getty Images)

27 aprile 2016

Nei giorni scorsi abbiamo assistito più o meno in diretta allo scivolone di Anna Wintour, a quella sua infelice esternazione che ha scatenato il popolo multiforme e sempre aggiornatissimo della Rete. Dopo la famigerate parole “Migrant chic” con cui la direttrice di Vogue America ha descritto la collezione Adidas Yeezy Season 3 di Kanye West, sollevando così l’indignazione dei vari social, sono arrivate attraverso un portavoce di Vogue anche le sue scuse ufficiali:

Mi scuso se la mia osservazione è risultata in qualche modo offensiva. La crisi dell’immigrazione è reale e non avevo nessuna intenzione di banalizzarla.

Noi potremmo risponderle invece con una breve ma salientissima frase attribuita nientemeno che a Dante Alighieri: "Il bel tacer non fu mai scritto".

(gp)

Via | Cosmopolitan

Anna Wintour indigna i social: "La collezione di Kanye West è migrant chic"

Chissà se la bufera scatenata dalla sua azzardata affermazione che la collezione di Kanye West è migrant chic scompiglierà anche l’imperturbabile zazzera ad ananas di Anna Wintour. La temibile e poco soave direttrice di Vogue è infatti stata presa di mira sui vari social per questa sua ultima dichiarazione, affidata troppo a cuor leggero a Seth Myers, conduttore di un importante show della televisione americana.


Accuse di insensibilità, superficialità e cattivo gusto sono piovute così sulla testa della Wintour. Una vera e propria gragnola di insulti che, a ritmo serrato, continua ad imperversare sui tanti social ormai sul piede di guerra.


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail