Louis Vuitton collezione uomo autunno inverno 2017 2018: l'eleganza street style e la capsule collection con Supreme

La cultura dinamica della New York del recente passato, degli anni settanta, ottanta e inizio novanta, è il punto di partenza della collezione Louis Vuitton Uomo Autunno-Inverno 2017. Guarda tutte le immagini del fashion show su Fashionblog

La cultura dinamica della New York del recente passato, degli anni settanta, ottanta e inizio novanta, è il punto di partenza della collezione Louis Vuitton Uomo Autunno-Inverno 2017. “E’ uptown e downtown”, afferma Kim Jones, Direttore Artistico delle collezioni Uomo Louis Vuitton. Special guest nel front row: David Beckham, James Marsden, Kate Moss, Xavier Dolan, Usher, Jeremie Laheurte, Will Poulter, Alan Cappelli, Rio Ferdinand, Colton Haynes, Nick Robinson, Dan Carter, Brenton Thwaites.

La collezione è un inno alla moltitudine di stili che coesistono e si fondono nella città di New York. Il suo fulcro è il concetto stesso di collaborazione, la fusione di due parti, un viaggio creativo verso un nuovo insieme. L’ispirazione viene dalle passeggiate in giro per la città, abbracciando tre decadi e una multi-sfaccettata idea di mascolinità. Il pensiero di New York di questi anni porta alla mente un gruppo di artisti-quintessenza di Manhattan: Jean-Michel Basquiat, Julian Schnabel, Keith Haring, Robert Mapplethorpe e Andy Warhol. Personaggi la cui forza creativa e le cui opere hanno portato alla libertà di collaborazione con altri per creare nuovi lavori, tra cui emergono Basquiat e Warhol. I loro approcci creativi e i loro guardaroba sono punti di riferimento per la collezione, uniti alla forza del logo Louis Vuitton, al denim dello stile Harlem di Daniel “Dapper Dan” Day, all’ Hip Hop e alla fumosa decadenza anni settanta dei frequentatori dello Studio 54. Questi sono i capisaldi dello stile di New York.

Quello che emerge è una nuova silhouette dall’eleganza rilassata: pantaloni ampi e dal fit comodo. Eleganza ma “eleganza-street”. I pezzi sartoriali si combinano con abbigliamento da lavoro, tessuti lussuosi del patrimonio Louis Vuitton, seta, cashmere, vicuña e alligatore, tagliati con forme semplici e funzionali. Lo stile di Basquiat è un importante punto di riferimento per la collezione. Cappotti morbidi sartoriali, tagli a vivo su cashmere punteggiati da fili per imitare quadri splatter o intrecciati con pelle Louis Vuitton sono abbinati a pigiami fils coupé. Altri pigiami sono stampati con collage di pubblicità Louis Vuitton degli anni ’30, che fanno eco all’ossessione del revival deco degli anni ‘70. Bijoux in palladio evocano il luccicante edonismo del dance floor dello Studio 54. Un’importante collaborazione ispira il nuovo viaggio di Louis Vuitton. “Nessuna conversazione sull’uomo di New York sarebbe completa senza Supreme”, afferma Kim Jones.

Stabilitosi in Lafayette Street nel 1994, esattamente 140 anni dopo la nascita di Louis Vuitton Malletier a Parigi, Supreme è diventato un vero status symbol a New York. Il brand incarna il mood multiculturale sia della città che di questa collezione. Per l’Autunno-Inverno 2017, Supreme e Louis Vuitton collaborano per la prima volta, dando vita a una capsule collection di abbigliamento, accessori e bijoux, portati in scena affianco alla collezione Louis Vuitton. Una nuova variazione del Monogram è accostata all’iconico Box Logo di Supreme. Compare su una serie di capi in denim giapponese lavato, in jacquard camouflage e in fil coupè sui pigiami, oltre che in una sfumatura cognac e cioccolato che prende riferimento dal classico canvas Monogram del 1896. Più che una collaborazione tra i due marchi, questa è la rappresentazione per eccellenza dello street style di NY e del savoir-faire francese di Louis Vuitton.

Ispirato dalla fusione di questi due brand iconici, Louis Vuitton, con questa collezione, collabora anche al suo interno. Le lavorazioni iconiche di Louis Vuitton interagiscono tra loro. I pezzi di pelletteria sono il risultato della fusione tra il canvas Louis Vuitton e la pelle Taurillon, grazie ad un’intricata tecnica di stampe e cuciture. Una serie di accessori e borse include svariati tipi di pelle Epi e canvas Monogram, diventando la dimostrazione letterale della mescolanza di stili ed approcci della collezione. Le punte anni ’80 e le techno-trainers anni ’90 sono il riferimento per le sneakers, impreziosite da applicazioni in pelle Epi e alligatore con fiori del Monogram stampati in rilievo e cuciture a zig-zag.

Una conversazione, una collaborazione tra il presente e il passato, è sempre evidente negli accessori Louis Vuitton. Per questa stagione i pezzi di archivio e le tecniche rivivono mixate con nuove forme e approcci, per creare una silhouette contemporanea. Gli accessori della collaborazione con Supreme sono in tela jacquard camouflage unita all’iconico cuoio naturale di Louis Vuitton; altri sono in pelle Epi rossa e nera con il logo Supreme impresso in rilievo, come se fosse uno sticker adesivo. Le forme sembrano contemporanee ma, per la maggior parte, appartengono ai 163 anni del patrimonio Louis Vuitton e sono prese dagli archivi della maison.

La collezione Louis Vuitton Uomo Autunno-Inverno 2017 è un completo ed esaustivo viaggio attraverso tutte le sfaccettature stilistiche di New York, prima, adesso e sempre. Un’ode alla città degli amici e degli eroi.

  • shares
  • Mail