Il MET Museum ospita la mostra "Camp: Notes on Fashion" da maggio a settembre 2019

Si chiama CAMP: Notes on Fashion ed è una mostra che promette di conquistarci con la sua teatralità e l'irriverenza tipica del kitsch in ogni forma artistica

Una mostra che promette di catturarci, facendoci entrare nel poliedrico mondo del CAMP, una parola che può non dirci nulla, ma che in realtà vuol dire tantissimo. L'esposizione, dal titolo "CAMP: Notes on Fashion", sarà ospitata presso il MET Museum di New York dal 9 maggio all'8 settembre 2019 e raccoglierà una serie di pezzi iconici, irriverenti ed esuberanti che hanno conquistato le passerelle nel corso degli anni.

Camp, sì. Apriamo una piccola parentesi per capire cosa vedremo varcata la soglia del Metropolitan sulla quinta strada. Quando si parla di "camp" si fa riferimento a una particolare applicazione sofisticata e studiata del kitsch nel mondo dell'arte, pardon, delle arti. Un elaborato modo di rendere teatrale ma non volgare ogni espressione del lifestyle, moda compresa.

La mostra mette in scena 250 oggetti che vanno dal diciassettesimo secolo fino ai giorni nostri, basandosi su una Bibbia d'eccezione, il saggio "Notes on 'Camp" di Susan Sontag del 1964. Umorismo, esagerazione, sperimentazione sono parte integrante del Camp e nella visita all'esposizione non sarà difficile sentirsi parte di un look book immenso, dove marchi quali Moschino o Schiaparelli hanno molto da condividere. Esagerata quanto basta, difficile farne a meno. Se siamo a New York un tuffo nella cultura pop più pura è d'obbligo.

  • shares
  • Mail