Europeana Fashion, il primo archivio digitale della moda

Europeana Fashion, nasce il primo archivio digitale della moda, una raccolta unica di storia e heritage delle case di moda che hanno segnato l'estetica di intere generazioni. Il debutto ufficiale online è previsto per il prossimo 2 maggio 2013.

Nasce in Europa un progetto internazionale realmente interessante e formativo; si chiama Europeana Fashion, ed è il primo archivio digitale della moda europea. L'obiettivo ambizioso di questa iniziativa è quello di raccogliere il maggior numero di dati di tutti i patrimoni delle case di moda e dei musei del settore, una sorta di dna vastissimo e dettagliato, per orientare gli addetti ai lavori, gli studenti del futuro e del presente, o semplicemente chi ha una spiccata curiosità o una forte passione per l'universo eclettico della moda.

Studiosi, curatori, media expert, ma anche opinion leader del fashion system si ritroveranno per parlare anche di questo in una conferenza-evento a Firenze il 17 e 18 aprile. Durante il meeting dal titolo Fashion Industry and the GLAM Community di Europeana Fashion si approfondiranno le tematiche legate sia alla cultura del costume e della moda che ai social e new media. La reunion mira a portare alla luce i dettagli di un progetto nato per indagare per l'appunto le connessioni tra moda e cultura, rilette con con la chiave ormai indispensabile e vitale dei nuovi media digitali.

GLAM in questo caso non ha la concezione del termine che spesso usiamo per indicare un accessorio o un capo che detta tendenza, ma significa Galleries Libraries Archives Museum, tradotto come la comunità culturale della moda. Il leitmotiv che lega Europeana all'appuntamento fiorentino è il prezioso Fashion Heritage, un database custodito come un vero e proprio gioiello dalle stesse aziende di moda nei loro archivi storici.

Una missione importante, che ci regalerà tante informazioni riguardo al ricchissimo patrimonio culturale della moda europea, a portata di click. Europeana Fashion, il primo archivio digitale della moda europea, è stato anche citato come iniziativa dell'anno nell'ambito della moda in Europa dal New York Times.

L'archivio debutterà ufficialmente online il prossimo 2 maggio. Nel web la raccolta pubblica, frutto di un accurato lavoro di gruppo, raccoglierà circa 100.000 elementi digitali provenienti da 22 musei e molte altre istituzioni europee; affiancati da una ben fornita galleria di immagini, bozzetti e scritti, che parte indietro nel tempo, da un bozzetto disegnato nel 1921 da Madeleine Vionnet fino ad una lettera scritta da Diana Vreeland a Emilio Pucci.

L'obiettivo finale è quello di archiviare circa 700.000 file , tutti legati alla storia della moda, entro il 2015, cartelle digitali che contribuiranno a preservare la preziosissima storia europea della moda per le generazioni future.

Europeana in breve

Europeana è una raccolta online multi-lingue di milioni di oggetti digitali, provenienti da musei, biblioteche, collezioni audiovisive e archivi europei. Attualmente Europeana offre un accesso integrato a 20 milioni di libri, film, quadri, oggetti museali e documenti d'archivio provenienti da circa 1500 fornitori di contenuti di tutta Europa. I contenuti sono forniti da ogni stato membro europeo e l'interfaccia del portale è in 29 lingue europee. Europeana è finanziata principalmente dalla Commissione europea.

Via | Rinascimento digitale

Foto | Europeana Fashion

  • shares
  • Mail