Tendenze della moda uomo per la primavera-estate 2013: l' etnico

Il mal d’Africa, la nostalgia per l’Oriente, il rimpianto per il folklore di popoli lontani e leggendari.

L\\\'etnico per lui è trendy

Una cartina variegata di sentimenti e passioni che abbiamo spesso e volentieri ritrovato nei libri dei romanzieri più celebri, sul grande schermo con gli attori da noi più amati e non ultimo nel mondo volubile e mosso della moda, dove stilisti e direttori creativi, lo sappiamo bene, sono perennemente alla caccia di una nuova ed ancor più formidabile “sensazione”. Per la primavera-estate 2013, la febbre per il folk e l’etnico torna così prepotentemente in primo piano.

Un ritorno applauditissimo sulle passerelle di Milano, dove Bottega Veneta ci ha mostrato fantasie astratte, lacci ed accenni di frange indiane; Etro (che non ha mai nascosto la sua passione per l’esotico) ci ha inondato invece di abiti a motivo cashmere, mentre Missoni ha optato questa volta per una serie variegata di disegni di chiarissima matrice esotica. Un trend del resto seguito sia dai francesi (primo fra tutti Louis Vuitton che, proiettandosi già nell’autunno, ci regala fantasie ispirate al Sol levante) che dai colossi del low cost come H&M che non possono, in alcun modo, permettersi di arrancare. Chi rimane indietro, si sa, è perduto.

L\\\'etnico per lui è trendy

L\\\'etnico per lui è trendy
L\\\'etnico per lui è trendy
L\\\'etnico per lui è trendy
L\\\'etnico per lui è trendy
L\\\'etnico per lui è trendy
L\\\'etnico per lui è trendy

Nella gallery capi: Etro, Bottega Veneta, Missoni e Hartford (disponibile qui)

  • shares
  • Mail