Anelli Bulgari per donna e uomo: i modelli diventati icona

Fondata nel lontano 1884, la gioielleria Bulgari è diventata nel corso dei decenni sinonimo di lusso ed esclusività.

Gli iconici anelli bulgari

Una storia quella di Bulgari che affonda le sue solidissime radici nella lontana terra d’Epiro. Da lì, sul finire dell’Ottocento, Sotirios Voulgaris, fondatore della celebre dinastia, era partito alla ricerca di nuovi mercati, di un destino più largo, approdando prima a Napoli, poi a Roma. Fu proprio nella città eterna che le creazioni Bulgari, tra uno sfavillio e l’altro, presero il volo, seducendo d’emblée il gran mondo.

Grace Kelly, Liz Taylor, Audrey Hepburn e Sofia Loren (citiamo naturalmente alla spicciolata) diventarono delle golosissime habitué, mentre i gioielli del marchio si andavano (potremmo dire inevitabilmente) imponendo in Europa in America come simbolo di un lusso sempre più esclusivo. Sempre più d’elite.

Oggi vogliamo puntare i nostri piccoli riflettori su alcuni modelli entrati prepotentemente nel mito come il notissimo anello Bulgari “Blue”, creato nel 1972 e venduto poi all’asta per quasi 16 milioni di dollari e l ‘iconico B .zero1, lanciato nel 1999, ma che a distanza di 14 anni rimane un grande successo (sia per lui che lei) e di cui esiste anche una versione che unisce capricciosamente l’oro 18 k alla ceramica bianca. Guardate un po’ qui.

Gli iconici anelli bulgari

Gli iconici anelli bulgari
Gli iconici anelli bulgari
Gli iconici anelli bulgari
Gli iconici anelli bulgari
Gli iconici anelli bulgari

  • shares
  • Mail