Parigi Fashion week, Raf Simons con la sua collezione uomo primavera-estate 2014 divide

Tra i primi a scendere in campo nella capitale francese, Raf Simons suscita subito qualche perplessità, risvegliando (e non è poco) il diritto al dissenso.

Raf Simons uomo p/e 2014

Non tutte le collezione scivolano sulle passerelle, lasciando il pubblico estasiato, ammirato e concorde. A volte l’incanto si spezza all’improvviso e voci di dissenso cominciano a farsi sentire. A rumoreggiare. A creare brusio. A Parigi, dove è appena iniziata la settimana della moda uomo, le creazioni di Raf Simons per la primavera-estate 2014 hanno, diciamo così, diviso i presenti.

Un tam tam poi ripreso anche su twitter che inevitabilmente ha fatto, come sempre del resto, da cassa di risonanza. Indice puntato dunque sulle sue maxi camicie (che a volo ci ricordano i mini abiti della fine degli sessanta) ricce di scritte, slogan ed accenti optical, sulle minigonne nere (qui strette da una fusciacca a treccia) e su un gran numero di stratificazioni più o meno eccentriche.

Scelte che a quanto pare non hanno accontentato tutti, suscitando alcuni commenti malevole ed aprendo, per forza di cose, la strada alla polemica. Tuttavia non sono neppure mancati gli elogi, i rapimenti estatici e gli applausi. Del resto dicevano gli antichi, mettendo così tutti d’accordo (o quasi): De gustibus non est disputandum.

Via | Twitter

Raf Simons uomo p/e 2014

Raf Simons uomo p/e 2014
Raf Simons uomo p/e 2014
Raf Simons uomo p/e 2014
Raf Simons uomo p/e 2014
Raf Simons uomo p/e 2014
Raf Simons uomo p/e 2014

  • shares
  • Mail