Balmain, il catalogo della collezione uomo primavera-estate 2014

Marinai e teddy-boy popolano la nuova collezione che Olvier Roustein ha disegnato per Balmain primavera-estate 2014. Sfogliamo insieme questo abbaglianti tripudio di bianchi e blu marini.

Balmain primavera-estate 2014

Un rumore di barche, vele, alberi e aria marina soffiano come per incanto dalla collezione Balmain per la prossima primavera-estate. Olivier Roustein, direttore creativo della Maison, si lascia tentare (come non capirlo del resto) dalla vita di mare, lusingare dal blu più profondo, dalle ancore che, come antichi gioielli, brillano al sole del nostro Mediterraneo.

Sull’onda di questa suggestione inseguita ed invocata da tanti, sfilano davanti all’obiettivo del fotografo e poi direttamente sulle pagine virtuali di quest’ultimo lookbook, corte giacche a doppio petto, spencer spavaldamente bianchi e maglie su cui corrono (e si inseguono) piccole e sveltissime righe a contrasto.

Si evocano marinai, crociere che partono, così almeno ci piace immaginare questa volta, dall’affollatissimo porto di Marsiglia per costeggiare l’Africa. Forse il mondo intero. Tuttavia ogni capo, ogni creazione ha un sapore lontano. Nostalgico. Così se le tute da meccanico in pelle sono forse ispirate alla sala macchine, le corte giacche dai revers a contrasto ci ricordano invece i giovani teddy-boy che si agitavano (più o meno "pericolosamente") a Londra agli albori degli anni cinquanta.

Balmain primavera-estate 2014

Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014
Balmain primavera-estate 2014

Via | Balmain

  • shares
  • Mail