Liberté, Egalité, Chanel! la sfilata primavera estate 2015 alla Paris Fashion Week

Finalmente ci siamo, ecco le foto della attesissima sfilata Chanel per la primavera estate 2015 presentata alla Paris Fashion Week questa mattina


Con Karl Lagerfeld è sempre una sorpresa, ormai lo sappiamo… un giorno compare una Barbie con le fattezze del kaiser tedesco, un altro giorno il suo gattino diventa il protagonista di una capsule collection, un anno Lagerfeld ci porta in un supermercato, un altro nelle profondità della terra. Per la primavera estate 2015 Chanel presenta una sfilata/manifestazione, le modelle portano in passerella gli abiti della nuova collezione ma anche cartelli con slogan di protesta per marciare e manifestare contro tutto e tutti.

Ma con chi ce l’hanno le Chanel girls? Karl ha deciso di abbracciare un po’ tutti gli “argomenti caldi” e quindi sotto lo slogan di “Liberté, Egalité, Chanel!” troviamo cartelli per la difesa dell'ambiente e contro il riscaldamento globale, viene invocata la fine di tutte le guerre, la libertà di espressione per le donne e il diritto al matrimonio per tutti indipendentemente dall'orientamento sessuale… e in tutto questo non poteva certo mancare la difesa dei diritti dei gay!

La sfilata Chanel primavera estate 2015

Ci piace
La sfilata è interessante anche se, di fronte ad uno spettacolo del genere, quasi ci si dimentica dei vestiti e degli accessori. La collezione è sicuramente bella, ci sono tante mise molto carine ma il minimalismo essenziale che abbiamo visto in tutte le fashion week qui non c’è sicuramente. Mi piacciono le mise in black & white e quelle con dettagli in oro luminoso, belle le stampe floreali che sembrano quadri astratti e anche i classici completi e vestitini in lana bouclè proposti in versioni più leggere e dai toni fruttati con applicazioni tridimensionali. Molto carino lo smanicato in tessuto bianco trasparente e il vestitino bianco con applicazioni floreali sui toni del rosa.

Non ci piace
Devo dire che la collezione è un po’ troppo carica per i miei gusti, Karl Lagerfeld mescola tante fantasie e diversi stili e nel complesso si perdono un po’ i contorni del buon gusto, soprattutto se si sceglie una visione globale, la percezione cambia un po’ – in alcuni casi - se si tiene conto del singolo outfit.

La collezione sarà anche un po’ sopra le righe ma quest’aria di cambiamento è sicuramente positiva.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail